Le attività di Formazione, Ricerca e Cooperazione sono centrate sia sulle specifiche condizioni locali sia sui problemi globali di tutta la Regione. Le attività comprendono varie competenze e la loro interazione è a vari livelli: i) livello di coltura, ii) livello di azienda, iii) livello di sistema di distribuzione, iv) livello di bacino, v) livello regionale.

In particolare, le linee di ricerca dello IAMB - “Land and Water Resources Management Department”, coprono diverse scale di applicazione (dalla pianta-coltura al bacino idrografico e alla regione) e consentono l'approccio, grazie all'interazione di vari aspetti (agronomici, ingegneristici ed economici), a diversi livelli di indagine: da un lato, le pratiche di gestione agricola sono proiettate su scala più ampia, in particolare dalla singola pianta-coltura al livello di distretto irriguo, con un risultato di domanda irrigua riferito all'intero distretto; dall'altro lato, questa domanda si traduce in approvvigionamento idrico dalla sorgente e il suo successivo down-scale alle aziende e alle singole colture, attraverso precise pratiche di gestione idrica.

 

Approccio multilivello attraverso l'interazione di vari argomenti/aspetti
 

Negli ultimi dieci anni (2000-2009), l'approccio globale e le linee di ricerca del “Land and Water Resources Management Department” si sono evoluti dopo i progressi di politiche e strategie riguardanti terra e gestione delle risorse idriche nella Regione mediterranea. Infatti, all'inizio di questo decennio, le attività di rete sul tema "Gestione delle risorse idriche" sono state ripartite in tre linee di ricerca principali: 1) Water Use Efficiency, 2) Collective Irrigation Systems, and 3) Non-conventional Water Resources Management. Più tardi, entro la fine di questo decennio, le attività sono state estese al fine di raggiungere nuovi obiettivi incentrati su un approccio integrato e sostenibile di “Land and Water Management”, che consideri aspetti legati all’agronomia, all’ingegneria, alla socio-economia e ad altri aspetti di tipo ambientale. Di conseguenza, le tre principali linee di ricerca sono state arricchite da nuovi argomenti e integrate da una nuova linea di ricerca: “Socio-economic and environmental aspects of land and water management”. Ciò è stato fatto per rispondere, in modo integrato, alle sfide invocate dal summit ministeriale euro-mediterraneo e imposto dalle questioni prioritarie in merito all'attuazione della direttiva quadro sulle acque a scala di bacino, alla continua variabilità del cambiamento del clima, alla promozione di un comune Mediterraneo - zona di libero scambio e ad un ulteriore consolidamento del partenariato euro-mediterraneo di integrazione.

 

Principali linee di ricerca all'inizio del decennio 2000-2009 
 

La gestione sostenibile delle risorse naturali è la chiave di volta delle politiche moderne della Regione mediterranea, che si integra con le strategie di gestione del territorio e dell'acqua, basate su una complessa interazione e interdipendenza tra molteplici e diversi settori e sottosistemi di terra e acqua. L'attuazione di tali strategie richiede il continuo monitoraggio delle risorse e di molte variabili tra loro collegate, dello sviluppo di grandi database geo-referenziati e multi-disciplinari, di processi decisionali multi-scala e multi-partecipativi, che inevitabilmente comportano l'uso di moderne tecnologie dell'informazione e di altre metodologie (CE, 2007).

In considerazione di ciò, le linee principali di ricerca sviluppate dal “Land and Water Management Department” si basano sul "problem-solving" ossia sull’approccio che combina avanzate conoscenze scientifiche e tecniche con soluzioni sostenibili per ottenere un impatto concreto sulla Regione mediterranea. Qui di seguito è riportata una breve descrizione delle principali linee di ricerca svolte dalla Divisione L&W.

 
 
Principali linee di ricerca, alla fine del decennio 2000-2009

 
 
Seguici su: